TECNICO AGRICOLO

QUARTO ANNO SETTORE FLOROVIVAISTICO

CORSO PER “TECNICO AGRICOLO”
(Percorso di promozione dell’alternanza scuola lavoro nell’iter per l’acquisizione del diploma di I.eF.P.)

DURATA DEL CORSO: 900 ORE
AREE DI BASE: 347 ORE
AREE PROFESSIONALI- APPLICAZIONI PRATICHE: 243 ORE
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: 400 ORE
DIPLOMA PROFESSIONALE RILASCIATO: TECNICO AGRICOLO

DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

ll Tecnico agricolo interviene con autonomia nell’ambito dei processi gestionali, aziendali e produttivi attraverso la partecipazione all’individuazione delle risorse e delle possibilità di sviluppo dell’azienda agricola. Opera a seconda del contesto territoriale/produttivo di riferimento, dell’organizzazione operativa, dell’implementazione di procedure di miglioramento continuo, del monitoraggio e della valutazione del risultato, con assunzione di responsabilità concernenti il coordinamento di attività esecutive svolte da altri.

La formazione tecnica nell’utilizzo di metodologie, strumenti e informazioni specializzate, rispetto alla coltivazione arborea e/o erbacea e/o ortofloricola, gli consente di svolgere attività relative: alla gestione dell’azienda agricola, con competenze funzionali alla scelta degli indirizzi produttivi, degli investimenti e delle filiere di commercializzazione nonché alla relazione con i fornitori, ai fatti amministrativo contabili, alla programmazione, organizzazione/sorveglianza delle fasi di lavoro e alla valutazione del processo/prodotto.

La formazione tecnica nell’utilizzo di metodologie, strumenti e informazioni specializzate gli consentono di svolgere attività finalizzate alla definizione di compiti, tempi e modalità operative, coordinamento operativo, controllo dell’avanzamento della produzione/lavorazioni, dell’ottimizzazione degli standard di qualità e della prevenzione di situazioni di rischio. Inoltre il Tecnico agricolo deve essere in grado di presidiare compiti complessi con un buon grado di autonomia, responsabilità, capacità relazionali, sorvegliando l’attività di ruoli operativi.

Agisce all’interno di differenti attività produttive, siano esse di grandi o di medio/piccole dimensioni.

Principalmente la figura si occupa della gestione organizzativa del lavoro, dello sviluppo del prodotto, del rapporto con i fornitori e rapporto con i clienti, stoccaggio e controllo di prodotto.

Definisce e attua, tenendo conto dei budget e degli obiettivi di marginalità assegnati, le regole di selezione e qualificazione dei fornitori di materiali pertinenti le coltivazioni arboree e/o erbacee e/o ortofloricole.

Valuta le esigenze di acquisto di materiali, prodotti, macchine ed attrezzature, individuando i fornitori.

Partecipa direttamente al processo produttivo, adattando le diverse forme di coltivazione con riferimento alle esigenze della clientela e del mercato.

Stabilisce gli obiettivi della produzione determinando le risorse umane strumentali, i tempi ed i costi necessari per svolgere le produzioni. Valuta le scelte di investimento, effettuando stime di redditività e di impatto sui ricavi. Predispone lo stoccaggio e la conservazione dei prodotti aziendali e delle scorte.

Pianifica l’approvvigionamento dei materiali necessari sulla base dello stato delle scorte e delle previsioni di attività nel breve e medio termine. Rileva i fabbisogni di manutenzione straordinaria, sostituzione e innovazione delle tecnologie di produzione, anche a proposito dell’evoluzione del mercato. Cura la gestione e lo sviluppo delle risorse umane aziendali, rispondendo alle esigenze di mantenimento delle capacità produttive richieste.

Valuta la rispondenza dei risultati intermedi e finali d’esercizio agli obiettivi quantitativi e qualitativi previsti dal programma gestionale aziendale.

Rileva i bisogni del cliente e del committente coniugandoli con le opportunità tecniche e tecnologiche disponibili.

Identifica situazioni di rischio potenziale per la sicurezza, la salute e l’ambiente, promuovendo l’assunzione di comportamenti corretti e consapevoli di prevenzione.

CARATTERISTICHE DEL PERCORSO FORMATIVO
Il percorso formativo seguito dagli allievi è costituito da una serie di attività riconducibili a lezioni d’aula, attività in laboratorio informatico, lavori di gruppo e simulazioni di organizzazione e gestione di eventi legati alla produzione e vendita interna ed esterna di prodotti di natura arborea, erbacea ed ortofloricola. Sulla base di precisi protocolli d’intesa tra enti ed imprese si realizzano servizi di interventi florovivaistici. Le lezioni d’aula, di laboratorio e le simulazioni sono gestite da formatori interni che hanno curato in particolare l’acquisizione di competenze di base e trasversali nelle aree dei linguaggi, storico-socio-economica, matematico-scientifica, tecnologica.

Alcuni esperti esterni si occupano in particolare di aree quali: la progettazione delle aree verdi, cura e manutenzione campi da golf, nozioni base e simulazioni di interventi di tree climbing. Altri esperti esterni eseguono interventi specifici per la preparazione per il conseguimento ed il rilascio, previo esame, del patentino fitosanitario.

Infine ogni allievo dovrà realizzare e documentare uno studio di casi tipo nella gestione dei lavori di settore a seconda del contesto territoriale/ produttivo del territorio di riferimento.

Tutto il percorso formativo è stato improntato da una metodologia didattica che favorisca tecniche di apprendimento induttive ed esperienze in ambito formale e non-formale che creino condizioni ottimali per lo sviluppo delle competenze.

Il percorso formativo prevede inoltre la realizzazione di un periodo di alternanza scuola-lavoro sperimentale per 400 ore presso aziende esterne del settore

FUNZIONI SVOLTE DALLA FIGURA PROFESSIONALE DEL TECNICO AGRICOLO
- Definizione compiti, tempi e modalità operative
- Coordinamento operativo
- Controllo avanzamento della produzione/lavorazioni
- Ottimizzazione degli standard di qualità
- Prevenzione situazioni di rischio
- Elaborazione di procedure relative alle coltivazioni/produzioni arboree/o erbacee e/o ortofloricole
- Monitoraggio scorte e giacenze
- Definizione e gestione ordini
- Valutazione e selezione dei fornitori e dei prodotti in ingresso
- Definizione dell’offerta
- Rilevazione esigenze del cliente/committente
- Rilevazione dati customer
- Assicurazione di comportamenti corretti e consapevoli di prevenzione per la sicurezza, la salute e l’ambiente
- Definizione dell’acquisto di materiali, prodotti, macchine ed attrezzature
- Predisposizione dello stoccaggio
- Controllo delle condizioni di stoccaggio
- Analisi campionaria dei prodotti coltivazioni/produzioni arboree/o erbacee e/o ortofloricole
- Analisi campionaria delle coltivazioni/produzioni arboree/o erbacee e/o ortofloricole
- Controllo della documentazione contabile/fiscale
- Caratterizzazione dei prodotti delle coltivazioni/produzioni arboree/o erbacee e/o ortofloricole
- Descrizione ed etichettatura delle coltivazioni/produzioni arboree/o erbacee e/o ortofloricole

PRINCIPALI COMPETENZE PROFESSIONALI DA ACQUISIRE
- Unità di competenza (1):
Scegliere l’indirizzo produttivo, il tipo e le forme di produzione, tenendo conto delle specificità del contesto di riferimento
- Unità di competenza (2):
Stabilire gli obiettivi della produzione, determinando le risorse umane e strumentali, i tempi ed i costi necessari per svolgere le produzioni
- Unità di competenza (3):
Valutare le scelte di investimento, effettuando stime di redditività e di impatto sui ricavi.
- Unità di competenza (4):
Effettuare le operazioni amministrativo-contabili dell`azienda, monitorando e valutando i risultati economici
- Unità di competenza (5):
Riconoscere e interpretare le richieste e tendenze del mercato
- Unità di competenza (6):
Predisporre lo stoccaggio e la conservazione di prodotti della produzione aziendale, di derrate e scorte
- Unità di competenza (7):
Definire le esigenze di acquisto di materiali, prodotti, macchine e attrezzature, individuando i fornitori e gestendo il processo di approvvigionamento
- Unità di competenza (8):
Valutare la rispondenza dei risultati intermedi e finali d’esercizio agli obiettivi quantitativi e qualitativi previsti dal programma gestionale aziendale
- Unità di competenza (9):
Rilevare i bisogni del cliente/committente coniugandoli con le opportunità tecniche e tecnologiche disponibili
- Unità di competenza (10):
Pianificare e organizzare le fasi di lavoro, sorvegliando l’attività di ruoli operativi
- Unità di competenza (11):
Identificare situazioni di rischio potenziale per la sicurezza, la salute e l’ambiente, promuovendo l’assunzione di comportamenti corretti e consapevoli di prevenzione

CFP Canossa Brescia Tecnico Agricolo